Area archeologica e villaggio neo-eneolitico di Su Coddu – Canelles

Cinquemila anni fa nell’odierna località di “Su Coddu” (il colle) sorse un villaggio (3350-2900 a.C.) tra i più estesi di tutto il Mediterraneo del periodo prenuragico. Nel 1981 durante i lavori di lottizzazione dell’area vennero rinvenuti per caso alcuni reperti archeologici; questa scoperta diede il via a numerose campagne di scavo che misero in luce la complessità dell’insediamento di cui oggi purtroppo resta visibile solo una piccola parte compresa tra la via Nenni e la via De Gasperi. I numerosi materiali rinvenuti sono conservati presso il museo SEMÙ nell’ex Caserma Cavalleggeri di Selargius.

La scelta fatta dall’uomo di stabilirsi in questa zona non fu casuale ma legata alle caratteristiche morfologiche del territorio che appariva molto diverso da come è oggi. Tra querce, olivi, piante di fichi e viti selvatiche scorreva un corso d’acqua e a pochi chilometri di distanza si trovava lo stagno di Molentargius. La natura forniva gran parte delle risorse utili per la sussistenza del villaggio.

Mentre gli uomini erano impegnati nella caccia e nella pesca, le donne si occupavano della raccolta dei molluschi e dei frutti selvatici. Con il passare del tempo le attività divennero sempre più complesse arrivando a comprendere l’allevamento, la coltivazione di cereali, la tessitura, la metallurgia, la produzione di ceramica e la lavorazione di pietra e ossidiana.

La maggior parte degli oggetti ritrovati erano realizzati per un uso pratico (brocche, pentole, pestelli, raschiatoi, punte di lancia, aghi) ma non mancavano quelli creati con uno scopo puramente ornamentale come collane di conchiglie e ciondoli di vari materiali o di uso verosimilmente legato al sacro come le statuine della Dea Madre.

Uno tra i ritrovamenti più importanti è senza dubbio un crogiolo in terracotta che testimonia l’attività di fusione in loco dei metalli. La vita all’interno del villaggio si svolgeva prevalentemente negli spazi aperti dove focolari, butti per la raccolta dei rifiuti e pozzi d’acqua erano a disposizione della comunità.

Le capanne, almeno 120, di forma per lo più circolare erano coperte da un tetto realizzato usando canne, legname e malta di fango e avevano diverse funzioni: alcune erano utilizzate come “abitazione”, altre riservate allo stivaggio delle provviste o adibite a “luogo di lavoro” per la macinazione dei cereali, la cottura dei cibi e la lavorazione dell’ossidiana. L’assenza di strutture difensive o di controllo ci fa immaginare che gli abitanti di Su Coddu convivessero pacificamente con quelli del vicino villaggio di Terramaini condividendo le abbondanti risorse naturali in un’atmosfera vivace di scambi e contatti sociali.

Audioguida

Bibliografia

Carboni Antonietta, Sistemi di raccolta e gestione dell’ossidiana, Quaderni della Soprintendenza per i Beni Archeologici per le Province di Cagliari e Oristano n°23, 2007/2012, pp.13-15.

Mameli Paola, Melis Maria Grazia, Intonaci in edifici in terra cruda negli abitati preistorici della Sardegna. Dati archeologici e archeometrici preliminari dall’insediamento di Su Coddu/Canelles (Selargius, CA), LXXXIV Congresso della società Geologica italiana, rendiconti online della società geologica italiana, 3, 2008 pp. 515-516.

Manunza Maria Rosaria, Nuovi scavi a Su Coddu-Canelles (Selargius-Ca), Quaderni della Soprintendenza per i Beni Archeologici per le Province di Cagliari e Oristano n°23, 2007/2012, pp.8-13.

Melis Maria Grazia, Nuovi dati dall’insediamento preistorico di Su Coddu-Canelles (Selargius-Ca), Papers in Italian Archaeology VI, Communities and Settlements from the Neolithic to the Early Medieval Period, Proceedings of the 6th Conference of Italian Archaeology held at the University of Groningen, Groningen Institute of Archaeology, The Netherlands, April 15-17, 2003, Volume II_ BAR International Series 1452 (II) 2005, pp.554-560.

Melis Maria Grazia, L’Eneolitico antico, medio ed evoluto in Sardegna: dalla fine dell’Ozieri all’Abealzu, Atti Della XLIV Riunione Scientifica, la Preistoria e la Protostoria della Sardegna, Cagliari, Barumini, Sassari 23-28 novembre 2009. Volume I – Relazioni generali, pp.81-95.

Melis Maria Grazia, L’architecture domestique en Sardaigne (Italie) entre la fin du Néolithique et le Chalcolithique, Neolithic and Chalcolithic archaeology in Eurasia: building techniques and spatial organisation, Archaeopress, Oxford, 2010, pp.157-163.

Melis Maria Grazia, Daniel Albero Santacreu, Archaeometric Analysis of Wall Coatings from The Chalcolithic Site of Su Coddu (Sardinia, Italy), Mediterranean Archaeology and Archaeometry 3(3) December 2017 pp.191-200.

Melis Maria Grazia et.alii, The Beginning of Metallurgic Production and the Socioeconomic Transformations of the Sardinian Eneolithic. Social, Economic and Symbolic Perspectives at the Dawn of Metal Production, BAR International Series 2372 2012, pp.13-32.

Melis Maria Grazia, Piras Stefania, L’analisi morfo-tecnologica della ceramica come indicatore delle trasformazioni tra l’Ozieri classico e finale, Atti della XLIV Riunione scientifica, La preistoria e la protostoria della Sardegna. Cagliari, Barumini, Sassari, 23-28 novembre 2009, vol I –Relazioni generali, Firenze, 2009, pp. 563-569.

Melis, Maria Grazia, Celant Alessandra, Zedda Marco, L’impatto di un ambiente umido nella paleoeconomia e nella paleonutrizione tra il Neolitico e l’Eneolitico. Nuovi contributi dalla Sardegna, Preistoria del cibo, Atti della L Riunione Scientifica dell’Istituto Italiano di Preistoria e Protostoria, 5-9 ottobre 2015 Roma. (Ultima consultazione 19/3/2020). http://preistoriadelcibo.iipp.it/contributi/2_28.pdf

Zedda Marco, Manca Laura, La fauna e l’industria in materia dura animale, Quaderni della Soprintendenza per i Beni Archeologici per le Province di Cagliari e Oristano n°23, 2007/2012, pp.15-17.

error: Contenuto protetto !!
In alto